BRIGANTE SE MMORE

BRIGANTE SE MMORE

Mim Re Mim
Ammo pusato chitarra e tamburo
Mim Re Mim
pecchè sta musica s’adda cagnà
Mim Do Re Mim
simmo briganti e facimmo paura
Mim Re Mim
e cu’ a spucetta vulimmo cantà. (x2)

Mim Re Sol Re Mim

E mo cantammo sta nova canzone
tutta la gente se l’adda ‘mparà
noi cumbattimmo p’ o re burbone
e ‘a terra è nostra nun s’adda tuccà.

Tutti i paise de Basilicata
se so’ scetati e vonno luttà
pure ‘a Calabria s’è arrevotata
e stu nemico facimmo tremà.

Chi ha viso o’ lupo e s’è miso paura
nun sape bono qual è ‘a verità
‘o vero lupo ca magna criature
è ‘o Piemuntese che avimmo caccià.

Femmene belle ca date lu core
si lui brigante vulite salvà
nun lo cercate, scurdateve ‘o nome
chi ce fa guerra non tiene pietà.

Ommo se nasce brigante se mmore
e fino all’ultimo avimm’ a sparà
ma si murimmo menate nu fiore
e na preghiera pe’ sta libberta.

AI PREAT LA BIELE STELE

Ai preat la Biele Stele,
duch li Sants del Paradis,
che ‘l Signor fermi la uére,
che il mio ben torni al pais.

Ma tu stele, biele stele,
fa’ palese ‘l mio destin;
va daur di che montagne,
là ch’a l’è ‘l mio curisin. (bis)

Traduzione:
Ho pregato la bella Stella, tutti i Santi del Paradiso, che il Signore fermi la guerra, che il mio amore torni al paese. Ma tu stella, bella stella, rendi chiaro il mio destino; va’ dietro quella montagna, là dove c’è il mio amore.

Sguaraunda

​Sol#m Mi Si Fa#
Sol#m Mi Fa#
Nigula bianca de lüüs esclamada

Sol#m Mi Si
slarga el me öcc e sistema la strada

Sol#m Mi Fa#
ala de angel nel büceer della löena

Sol#m Mi Fa#
bilancia indrizzada tra el suu e quand’che’l’trona

Fa# Mi Si
Slarga la man de s’ciöema e mister
vusa el duman cun la buca de ieer
passa e ripassa e pastrügna el to cieel

Fa#
bala cul veent quand che storta i candeel

Sol#m Mi Fa#
Rit. Gigula nigula, rüva e vann

Sol#m Mi Si
gigula nigula, senza dagn

Sol#m Mi Fa#
Gigula nigula, rüva e vann

Sol#m Mi Fa#
Gigula nigula.

Sol#m Mi Si Fa# (2 Volte)

Fa#
Sguaraunda nigula redunda!
Nigula negra de quell che so mea
cöer che se scuund in de’ l’alta marea
Palpebra scüüra che messeda i culuu
nel sogn de la spena che sarann mila fiuu
Gigula nigula nel to fiasch de tempesta
e liga ‘l’stralüsc nel fiaa che me resta
l’unda stremiida la sarà tua surela
e nel fuund del tò böecc te sbogia una stela

Rit.

Sol#m Fa#
Nigula russa in crapa al guagua
lengua pugiada al tramunt dissanguaa
nigula mamma, papessa e vampira
se te vöeret basamm ciapa la mira,

Fa# Si Fa#
Nigula ragn, aranz e bambagia
basa la riva e lassa una smagia
smagia che fiada e prepara la nocc
cuerta de föegh, de acqua e de bücc!

Sol#m Mi Si Fa#
I pess in saren mai i öcc
gnanca s’ien giò in del la padela
i pestan mai giò in genöecc
gnanca s’ia schiscen nela tola

Sol#m Fa# Sol#m
Gigula nigula, nigula redunda
Gigula nigula