Lam Rem
“Combatti te stesso” lui mi ripeteva
Do Mi
“La vita è una guerra” poi ancora diceva
Lam Rem
Ed io che chiedevo una vita tranquilla
Do Mi
Vedevo che invece era una battaglia

Lam Rem
E un giorno pensando a Bernardo ed Ignazio
Do Mi
Ho veduto sul prato i due eserciti fermi
Lam Rem
E mentre il vento so ava gagliardo
Do Mi
I due stendardi si alzavano al cielo

Fa Lam
Le schiere eran pronte a dare battaglia
Fa Mi
Ed io camminavo là nella radura
Rem Do
Guardando quei volti di uomini veri
Mi Lam
Schierati nel campo contro Babilonia

Lam Rem
Ho visto Pietro la roccia e il sostegno
Do Mi
E poi Costantino con Carlo Magno
Lam Rem
Ho incontrato i Templari pronti all’azione
Do Mi
Francesco il povero Domenico il saggio

Fa Lam
Tra schiere di monaci chiusi in un saio
Fa Mi
Tra distese di uomini semplici e grandi
Rem Do
Ho parlato con gente che senza rimpianti
Mi Lam
Con la propria vita forgiava le armi

Lam Rem
San Luigi parlava con briganti e Carlisti
Do Mi
Giovanna d’Orleans con Cristeros messicani
Lam Rem
Mentre s’alzava il canto armonioso
Do Mi
Dei Bretoni gli di Jean Cottereau

Fa Lam
Cornamuse d’Irlanda pegno di libertà
Fa Mi
Gigli di Francia forse Henry ritornerà
Rem Do
Vedevo arrivare dai monti lontani
Mi Lam
Cosacchi bianchi e contadini vandeani

Lam Rem
E ancora re ed eremiti e popolani
Do Mi
Bandiere armature cavalli e tamburi
Lam Rem
Davanti alla storia che avevo di fronte
Do Mi
Capivo che quella era la mia battaglia

Fa Lam
Non so se ho sognato non so se ho inventato
Fa Mi
Ma anche adesso che credo di essere sveglio
Rem Do
Sento il tamburo che chiama all’azione
Mi Lam
Sotto il vessillo di Nostro Signore

Lam Rem
Vorrei esser degno di questa bandiera
Do Mi
Vorrei poter vivere questa avventura
Lam Rem
Incrociare lo sguardo di Santi e guerrieri
Do Mi
Quando l’aquila sventola in cielo

Fa Lam
Vorrei esser degno di questa bandiera
Fa Mi
Vorrei poter vivere questa avventura
Rem Do
Incrociare lo sguardo di Santi e guerrieri
Mi Lam
Quando l’aquila sventola in cielo.